[iframe style=”border:none” src=”https://html5-player.libsyn.com/embed/episode/id/3159749/height/45/width/450/thumbnail/no/theme/standard” height= ”45″ width=”450″ scrolling=”no” allowfullscreen webkitallowfullscreen mozallowfullscreen oallowfullscreen msallowfullscreen]

In questa ragazza VET blog, esaminiamo il resa diagnostica dell'analisi citologica del versamento pericardico nei cani. Vale la pena inviare l'analisi dei fluidi e la citologia per il campione emorragico?

Le cause più comuni di versamento pericardico canino comprendono neoplasie e versamenti idiopatici. Le coagulopatie, la rottura dell'atrio sinistro e la pericardite settica sono molto meno comuni. Tra le cause neoplastiche, cardiaca emangiosarcoma (tipicamente atriale destro o solco AV destro) si verifica più frequentemente seguito da tumori della base cardiaca (chemodectomi), mesotelioma e linfoma. La prognosi per le cause neoplastiche dipende fortemente dal tipo di tumore. L'analisi citologica è considerata molto utile per fornire una diagnosi definitiva delle cause infettive e del linfoma cardiaco, ma ha un valore limitato nell'identificare altre cause neoplastiche. Ciò è in contrasto con la capacità diagnostica relativamente elevata della citologia del versamento pericardico di identificare le eziologie neoplastiche negli esseri umani (probabilmente a causa dei tipi di neoplasie osservati negli esseri umani). Test aggiuntivi di parametri/biomarcatori ematici o pericardici (pH, lattato, glucosio, bicarbonato, cloruro, HCT, azoto ureico) nei cani ha dimostrato di avere un valore diagnostico aggiuntivo minimo. L'obiettivo principale di questo studio era quantificare la capacità della citologia del versamento pericardico di fornire un'eziologia definitiva nei cani, con e senza dati diagnostici aggiuntivi al momento della presentazione.

In questo podcast, esaminiamo i recenti risultati di uno studio di Cagle et al su UC Davis. Hanno valutato retrospettivamente 259 cani con campioni citologici basati su una revisione delle cartelle cliniche elettroniche tra il 1990 e il 2012. Cosa hanno trovato? Deprimente. Oltre il 90% dei campioni è stato considerato non diagnostico (in altre parole, emorragia!), mentre solo il 7.7% è risultato diagnostico.

Questo studio fornisce solidi parametri basati sull'evidenza che possono essere utilizzati come linee guida per decidere se sottoporre versamenti pericardici per ulteriori test per i pazienti, in particolare quando i proprietari di animali domestici sono finanziariamente vincolati e devono essere prioritarie ulteriori diagnosi (nel qual caso il basso livello diagnostico complessivo relativo la resa della citologia a versamento può precludere la necessità della sua presentazione). VETgirl's filosofia? L'ecocardiografia rimane ancora il test diagnostico numero 1 per valutare le cause di versamento pericardico ed è il primo test diagnostico raccomandato per tali casi.

Quello che hanno trovato in questo studio è che la conta dei globuli rossi del versamento pericardico e l'HCT calcolato erano significativamente più bassi nei versamenti diagnostici. In particolare, una conta eritrocitaria del versamento di 1.35 M/uL e un valore di ematocrito del 10% hanno fornito i cutoff statistici ideali per i versamenti non diagnostici rispetto a quelli diagnostici. L'utilità diagnostica della citologia del versamento è aumentata al 20.3% quando l'HCT del versamento era < 10%. 

Allora, cosa impariamo da questo? Controllare un PCV dal campione di versamento pericardico prima di inviarlo per l'analisi. Dopotutto, è economico e facile da fare, e ogni clinica veterinaria può controllare un PCV (se non possono, boo!). Effusione PCV < 12-13% indica una maggiore resa diagnostica potenziale dell'aggiunta dell'analisi citologica.

Letture consigliate:

1. Olcott MD, dormiente MM. Riconoscere e trattare la malattia pericardicaMedicina Veterinaria 2010

2. Cagle LA, Epstein SE, Owens SD, et al. Rendimento diagnostico dell'analisi citologica del versamento pericardico nel canes. J Veterintern Med 2014;28(1):66-71.

3. Bene DM. Uso del pH del liquido pericardico per distinguere tra versamenti idiopatici e neoplasticiJ. Vet. Stagista. Med. 17 (4): 525-529; 2003.

Solo i membri VETgirl possono lasciare commenti. Accedi or Unisciti a VETgirl adesso!