Giugno 2023

In questa VETgirl formazione continua veterinaria online sponsorizzata blog, blogger ospite Christopher Lee, DVM, MPH, DACVPM discute l'esitazione che i proprietari di animali domestici possono avere quando si tratta di vaccini. Dato che i vaccini sono elencati tra i primi 10 risultati di salute pubblica del 20° secolo, perché c'è così tanta paura dei vaccini e cosa possiamo fare al riguardo come professionisti veterinari?

Dare ai cani un vantaggio nella tecnologia dei vaccini con il Dr. Christopher Lee

By Christopher Lee, DVM, MPH, DACVPM

"Ehi, dottore, perché il mio chihuahua e il mio cane alano ricevono entrambi la stessa dose di vaccini?"

"Bene -"

"Quando ho ricevuto il vaccino antinfluenzale, era solo mezzo ml. Perché il mio cane ottiene così tanto? Andiamo dottore, non puoi darne metà al piccoletto?"

Quando noi, come professionisti veterinari, esaminiamo il "perché" dietro queste domande dei proprietari di animali domestici, spesso scopriamo una paura percolante dei vaccini. I vaccini rimangono i primi dieci tra i risultati della salute pubblica del 20° secolo, eppure molte persone rimangono titubanti sul loro utilizzo.

Cani

Immagine di Non più qui da Pixabay

Poiché i vaccini possono generare una risposta amnesica di lunga durata che può persistere, in alcuni casi, per decenni o per tutta la vita, esiste una linea di demarcazione per ogni individuo: il tempo prima di ricevere un vaccino e il tempo dopo. Pertanto, si è accumulato un elenco di preoccupazioni improbabili e probabili.

Le associazioni improbabili sono cambiate nel tempo e spesso riflettono la cultura attuale. Nonostante abbia soffocato il gran numero di morti e deformità a causa del virus del vaiolo, il movimento anti-vaccinazione è nato sulla scia, o forse sugli "zoccoli", della vaccinazione. Due delle principali preoccupazioni relative all'uso del vaiolo bovino per prevenire il vaiolo mortale erano la "rogna del vaiolo bovino" e la "mania della mucca". La rogna del vaiolo bovino era il rischio teorizzato che un individuo vaccinato facesse germogliare zoccoli e corna, mentre la mania della mucca era il potenziale di dare alla luce bambini metà umani e metà mucche.

Quando si considerano le malattie note indotte dal vaccino, pochi eventi rimangono nella nostra mente, come l'incidente di Cutter del 1955. Il giorno dopo che la sperimentazione del vaccino per 1.8 milioni di bambini si è rivelata vincente, il vaccino antipolio di Salk è stato autorizzato. Nel giro di due settimane, cinque aziende avevano distribuito quasi cinque milioni di dosi. In base alla progettazione, questi vaccini sono stati inattivati ​​o uccisi e, quindi, avrebbero dovuto essere privi di qualsiasi reversione alla virulenza.

Il virus della poliomielite vivo ha contaminato il prodotto vaccinale dei Cutter Laboratories. In meno di due settimane dall'istituzione del vaccino, sono emerse segnalazioni di infezione da poliomielite. Alla fine dell'incidente, oltre 200,000 persone immunizzate erano state infettate dal vaccino antipolio vivo contaminato. Circa la metà di queste vittime erano bambini e le conseguenze risultanti includevano morte, paralisi e debolezza muscolare. All'interno del canale veterinario canino, il cimurro e la rabbia ritornano alla virulenza, i vecchi tassi di reazione al vaccino contro la leptospirosi e la mancanza di efficacia attesa rimangono fissati nei nostri timori per le preoccupazioni sui vaccini.

Comprendendo l'importanza della regolamentazione, gli Stati Uniti possono essere considerati in prima linea nella tutela del pubblico. Dalle origini dell'USDA e dell'AVMA nel 1860, alla generazione della FDA e delle leggi associate nei primi anni del 1900, farmaci e vaccini sono stati continuamente tenuti a standard sempre più elevati. Specifico per la medicina veterinaria, il Center for Veterinary Medicine (CVM) sotto la FDA è stato istituito nel 1984 e il Center for Veterinary Biologics (CVB) sotto l'USDA è stato istituito nel 1996.

Mentre i proprietari di animali domestici cercano di valutare da soli le opzioni di minimizzazione dei rischi per la sicurezza, il volume viene subito in mente. Dopotutto, i vaccini umani variano in base alla dose. I primi vaccini, come i primi vaccini antipolio e quelli distribuiti da Cutter, avevano spesso un volume di 1 ml. Oggi, la maggior parte delle persone riceve un vaccino antinfluenzale inattivato da 0.5 ml, mentre alcune persone, di età pari o superiore a 65 anni, possono ricevere una dose maggiore, da 0.7 ml. Molte persone conoscono bene il regime di richiamo del vaccino COVID-0.25 da 19 ml. Altri vaccini rimangono a 1 ml di volume.

Nonostante questo intervallo, le dosi per ogni fascia di età rimangono rigide. Ad esempio, un bambino di 18 anni, 11 mesi e 29 giorni, indipendentemente dal peso o dall'altezza, riceverebbe comunque 0.5 ml di Hep A. Aspetta che quella persona invecchi di qualche giorno e la dose obbligatoria raddoppierebbe.

Il CDC ospita le raccomandazioni sui vaccini e le linee guida dell'Advisory Committee on Immunization Practices (ACIP). La loro dichiarazione sulla dose ridotta di vaccinazione è chiara: "Qualsiasi vaccinazione che utilizza meno della dose standard non dovrebbe essere conteggiata".

Dal punto di vista veterinario, in seguito al Virus-Serum-Toxin Act (VSTA), il Center for Veterinary Biologics (CVB) all'interno dell'USDA garantisce che agli animali negli Stati Uniti vengano forniti farmaci biologici veterinari puri, sicuri, potenti ed efficaci. Ciò include la ricerca per identificare la dose immunizzante minima richiesta per ciascun antigene o agente patogeno del vaccino.

Il sito Web delle linee guida sui vaccini dell'AAHA, nel marzo 2023, affronta la preoccupazione di ridurre il volume del vaccino nei cani di piccola taglia: “Il volume raccomandato dal produttore rappresenta generalmente la dose immunizzante minima; pertanto, deve essere sempre somministrato il volume totale di una dose di vaccino. La riduzione arbitraria del volume di un vaccino può comportare una risposta immunitaria meno che protettiva. Inoltre, non ci sono prove che l'abbassamento della dose/volume di un vaccino possa prevenire un evento avverso".

Mirare ai livelli minimi di potenza aiuta con la preoccupazione di "il mio cane è così piccolo" ma non risponde necessariamente alla domanda "potrebbe essere ancora troppo". Il titolo 9 Code of Federal Regulations (9CFR) § 113.40 Dog Safety tests afferma che prima che venga rilasciato qualsiasi seriale di un vaccino: "A ciascuno di due cani sani devono essere somministrate 10 dosi di cane con il metodo raccomandato sull'etichetta e i cani devono essere osservati ogni giorno per 14 giorni.”

Comprendiamo meglio i pali della porta combinando la domanda AAHA di razza piccola e il test 9CFR. Se una quantità indefinita di vaccino viene persa durante la somministrazione a causa di un animale domestico che si muove, essere in grado di fornire un'altra dose completa rappresenta la sicurezza clinica come definita da uno studio di sicurezza limitato 10 volte su ogni lotto rilasciato da un produttore di vaccini. Pertanto, indipendentemente dalla taglia, ogni cane dovrebbe ricevere almeno una dose completa per un'adeguata protezione contro le malattie.

Mentre i vaccini umani e veterinari continuano a innovare in termini di sicurezza ed efficacia, continuano a presentarsi nuove opzioni. Nell'ultimo decennio sono sorte molte innovazioni per gli animali che hanno reso difficile la scelta di un paio di esempi.

Un esempio include la tecnologia delle particelle di RNA chiamata SEQUIVITY®, che è stata utilizzata per creare vaccini suini su prescrizione personalizzati contro ceppi selezionati del virus dell'influenza A. Un vaccino su misura per uno specifico allevamento di suini può essere creato per il produttore in appena otto-dodici settimane.

Dal lato degli animali da compagnia, Merck per la salute degli animali La linea Nobivac EDGE® produce la prima combinazione di cimurro, adenovirus di tipo 2, parvovirus e parainfluenza in una presentazione a mezzo volume. Questa linea di mezzo volume include un vaccino contro la leptospirosi a quattro sierotipi supportato da dati che dimostrano la prevenzione della diffusione e della mortalità. Infine, tutti questi importanti antigeni sono disponibili in un'opzione EDGE® DAPPv+L0.5 da 4 mL. Poiché i proprietari di animali domestici adottano costantemente un approccio meno è più mentre si aspettano giustamente la massima protezione, i vaccini come la linea Nobivac EDGE® sono una scelta chiara all'apice dell'innovazione dei vaccini.

Referenze:
1. Carapetis JR. L'incidente del cutter: come il primo vaccino antipolio americano ha portato alla crescente crisi dei vaccini. BMJ. 2006 marzo 25;332(7543):733. PMCID: PMC1410842.
2. CDC. (1999). Dieci grandi successi di salute pubblica - Stati Uniti, 1900-1999. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. https://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/00056796.htm#:~:text=Ten%20Great%20Public%20Health%20Achievements%20–%20United%20States%2C,babies%20%208%20Family%20planning%20%20More%20items
3. Commissario, O. del. (nd). Francesca O. Kelsey. Food and Drug Administration degli Stati Uniti. Estratto il 18 aprile 2023 da https://www.fda.gov/about-fda/fda-history-exhibits/frances-oldham-kelsey-medical-reviewer-famous-averting-public-health-tragedy
4. Direttore, MDPD, Direttore, AMDPD e Direttore, MDPD (2023, 23 gennaio). I vaccini possono aiutare a rendere possibile una vita migliore per tutti. IFPMA. Estratto il 18 aprile 2023 da https://ifpma.org/insights/vaccines-can-help-make-a-better-life-possible-for-everyone/
5. Fitzpatrick M. Il movimento anti-vaccinazione in Inghilterra, 1853-1907. JR Soc Med. Agosto 2005;98(8):384–5. PMCID: PMC1181850.
6. McHugh, J. (2021, 10 novembre). Il primo movimento anti-vaccinazione al mondo ha diffuso la paura dei bambini a metà mucca. Il WashingtonPost. Estratto il 18 aprile 2023 da https://www.washingtonpost.com/history/2021/11/14/smallpox-anti-vaccine-england-jenner/

Questo blog di formazione continua veterinaria online VETgirl è sponsorizzato da Merck Salute Animale, produttori dei vaccini Nobivac®. I nostri cani fanno parte delle nostre famiglie. Vogliamo assicurarci che rimangano in salute. I vaccini Nobivac EDGE® includono soluzioni uniche ed efficaci da 0.5 ml che offrono una protezione completa in metà del volume. Ideale per i cani più piccoli, ma ugualmente efficace anche nei cani di grossa taglia. Metti in pratica il comfort con Nobivac® vaccini.

Questo blog di formazione continua veterinaria online VETgirl è sponsorizzato da Merck Salute Animale. Si prega di notare che le opinioni in questo blog sono l'opinione espressa dell'autore (i) e non direttamente approvate da VETgirl.

Solo i membri VETgirl possono lasciare commenti. Accedi or Unisciti a VETgirl adesso!